Vita Sanremese: il 2° Giorno della 67° edizione

Robbie Williams che bacia Maria De Filippi, Francesco Totti goleador di risate, Giorgia da brividi e nuovi big in gara. C’è tanto da vedere sul palco della seconda serata di Sanremo 2017 che fa registrare un lieve calo di ascolti (resta comunque il secondo miglior mercoledì dal 2005), dopo il boom del debutto (mai dati così alti per una prima serata da 12 anni). A rischio eliminazione, questa volta, Nesli e Alice Paba, Bianca Atzei e Raige e Giulia Luzi, che non potranno quindi prendere parte alla serata delle cover.

I GIOVANI – Si comincia con le Nuove Proposte. La sala stampa e il televoto decretano l’eliminazione di Marianne Mirage con ‘Le canzoni fanno male’ e Braschi con ‘Nel mare ci sono i coccodrilli’. Passano invece a venerdì Francesco Guasti con ‘Universo’ e Leonardo Lamacchia con ‘Ciò che resta’.

SIPARIETTO E SI PARTE – L’illusionista giapponese Hiroki Hara, vincitore di America’s Got Talent, dà ufficialmente il via alla serata. E Maria De Filippi si improvvisa distributrice di gadget. “Prego signora, ci tiene ad averlo?”, dice la presentatrice passando per la platea e distribuendo il portachiavi con la sagoma del direttore artistico Carlo Conti. Poi via alla gara dei ‘big’ con Bianca Atzei che canta ‘Ora esisti solo tu’, subito dopo è il turno di Marco Masini con ‘Spostato di un secondo’.

‘IL CAPITANO’ – Sul palco poi arriva Francesco Totti in un elegante smoking. Il festival rende omaggio al ‘capitano’ con un filmato e lui si cimenta autoironico in una presentazione di Nesli & Alice Paba, in gara. “Te la senti?”, gli chiede Maria. “Sicura? Stamo in diretta”, ha replicato il calciatore. La gara dei big prosegue poi con la voce soul di Sergio Sylvestre. Quinto big è Gigi D’Alessio con ‘La prima stella’.

L’IMPIEGATO MODELLO – Quindi sul palco di Sanremo – città al centro di alcuni clamorosi casi di assenteismo – sale Salvatore Nicotra, impiegato statale che in 40 anni di carriera non ha fatto neanche un giorno di malattia, per lanciare un appello anti-furbetti. “Desidero dire che non tutti i dipendenti pubblici sono fannulloni. Voglio parlare al cuore e al sentimento dei dipendenti pubblici: quando vi vengono le idee di fare i furbetti, o di creare malattie inesistenti, vi prego, questo è mortificante per tutti i giovani precari che lavorano e dopo tre, quattro cinque mesi, perdono il lavoro e la loro dignità, e perdono anche la testa”, dice. “Lo stipendio per tutta la vita – sottolinea il signor Nicotra, che arriva dalla città di Catania alla quale ha devoluto 239 giorni di ferie non godute – è un privilegio, noi dipendenti pubblici facciamo parte di un comparto fondamentale della società, non c’è niente di più bello che risolvere i problemi dei cittadini. Basta furbetti, riflettete”.

ANCORA BIG – Tocca poi di nuovo a Francesco Totti lanciare Michele Bravi, vincitore di X Factor e sesto in gara stasera al festival. Simpatica la presentazione del giallorosso che non si prende sul serio nel suo provvisorio ruolo di annunciatore dei campioni cantanti in gara.

CROZZA FA MATTARELLA – E’ poi il momento della copertina di Maurizio Crozza. “Carlo e Maria, ve l’avevo detto che l’inciucio avrebbe funzionato. Il 50,4% di share, pazzesco. Per governare il Paese non avreste bisogno neanche del premio di maggioranza, avreste vinto anche con il proporzionale. Vi ha già chiamato Mattarella per darvi l’incarico?”, dice il comico prima di vestire i panni del presidente della Repubblica: “Voi due avete la maggioranza nel Paese – dice Crozza-Mattarella – ho sciolto le Camere. Gentiloni non l’ho avvertito, ma è di buon carattere. Dove lo metti sta. Se lo metti a governare, governa. Se lo metti alle finestre fa i vetri. Per i ministri fate voi: Zarrillo, Mannoia. Tanto chiunque farebbe meglio di Padoan, anche Clementino. Come ministro degli Esteri suggerisco Al Bano al posto di Alfano. Cambia una consonante ma raddoppia la conoscenza dell’inglese”. Poi tolta parrucca, Crozza spiega perché gli italiani non fanno più figli e tesse le lodi delle donne che “non solo fanno figli ma se ne occupano più di noi, si laureano con voti migliori dei nostri ma trovano meno lavoro e se lo trovano vengono pagate meno. Noi uomini così siamo simpatici come la maionese nei mocassini”.

E ANCORA TOTTI – Ritorna Francesco Totti, intervistato da Maria De Filippi e Carlo Conti. Ed è ancora un simpatico siparietto. “Immagina di trovarti nella situazione del film ‘Proposta indecente’ e di ricevere la richiesta di cedere Ilary per soldi a un milionario”, dice De Filippi. “Non accetto – risponde il calciatore della Roma -. Anche se…”. “E se tuo figlio nascondesse nel cassetto la maglia della Lazio?”, chiede Conti. “Se fa questa scelta, la rispetto ma mi sembra impossibile”, replica Totti. Poi i conduttori tentano di fargli cantare l’inno della Fiorentina, ma invano. Totti svicola. Più che un’intervista sembra un quiz con Totti che sta sempre allo scherzo e tiene bene il ritmo. E l’Ariston va in delirio.

TORNANO I CAMPIONI – Settima a esibirsi è Paola Turci, che si rimette in gioco sul palco dell’Ariston dopo 16 anni con ‘Fatti bella per te’. Poi è la volta di Francesco Gabbani, trionfatore di Sanremo 2016 nella seziona Nuove Proposte con ‘Amen’.

ROBBIE WILLIAMS – Ancora momenti di grande spettacolo con Robbie Williams. Il cantante porta il suo nuovo singolo ‘Love my life’ estratto da ‘The heavy entertainment show’. Dopo l’esibizione, una breve intervista nella quale Robbie Williams parla della sua famiglia: “Da quando ho avuto dei figli la mia vita è cambiata tantissimo e in meglio. Tutto quello che faccio è per loro, sono un papà molto orgoglioso”. “L’Italia è stata molto leale con me e io le sono grato”, dice il cantante inglese che questa estate sarà in tour nel nostro Paese. Prima di scendere dal palco, Robbie Williams a sorpresa bacia sulla bocca Maria De Filippi, come fa al termine di ogni concerto con una delle sue fa fra il pubblico. Conti finge di chiamare Costanzo: “Maurizio, è stato un bacio innocente”. E lei replica: “E’ stato un bacio a stampo, e tra l’altro se fosse stato diverso sarebbe stato un disastro perché avrebbe trovato una caramella in bocca”.

GIORGIA – Per i ‘big’ in gara arriva Michele Zarrillo con il brano ‘Mani nelle mani’. Quindi è la volta di un altro super ospite: Giorgia. La cantante si esibisce con il nuovo singolo ‘Vanità’ e un medley con ‘E poi’, ‘Come saprei e ‘Di sole e di azzurro’. Esecuzione da brividi anche per lei, visto che a un certo punto la spallina dell’abito ha ceduto. Giorgia rivolge un saluto a Pippo Baudo, colpito da una bronchite e costretto a rinunciare a condurre Domenica in post-festival. Perché, scherza, “A me m’ha inventato lui”.

KEANU REEVES E GLI ALTRI OSPITI – Penultima ‘big’ in gara Chiara con ‘Nessun posto è casa mia’, chiudono Giulia Luzi e Raige con ‘Togliamoci la voglia’. E’ poi il momento di Keanu Reeves che si spinge oltre la solita partecipazione delle star hollywoodiane. Prima anima un colloquio con Maria De Filippi in cui ricorda quando da ragazzo a Toronto faceva la pasta in un negozio di alimentari italiano, quando era un portiere in una squadra di hockey su ghiaccio e veniva chiamato ‘The Wall’, poi descrive la sua passione per la moto. Infine prende in prestito un basso dall’orchestra e suona. “La tua canzone italiana preferita?”, gli chiede Carlo. ‘Va bene così’ di Vasco Rossi – dice -, scoperta grazie alla sorella che aveva un fidanzato italiano. La gara è finita, ma c’è tempo per un insolito trio comico: Enrico Brignano, Gabriele Cirilli e Flavio Insinna. Poi è ancora musica con la band scozzese Biffy Clyro e della loro hit ‘Re-arrange’.