Michele Emiliano prossimo segretario PD? Pronto a sfidare Renzi

Nel Pd cresce la voglia di congresso. E gli sfidanti di Matteo Renzi cominciano a uscire allo scoperto. Come il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che ribadisce di essere pronto a candidarsi come segretario del PD. Lo fa dagli studi de La 7 ospite di Giovanni Minoli nella trasmissione Faccia a faccia. “Se qualcuno si prende la briga di aprire il congresso è possibile che mi candidi”, annuncia.  “Di certo non starò a guardare”. Ma spiega che anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore.

Dagli studi tv non risparmia critiche dirette a Renzi. A cominciare dalla riforma costituzionale, che definisce “totalmente sballata”: anzi, “un pastrocchio scritto anche da persone poco competenti”. Attacca anche sulla questione delle dimissioni del premier (“è incredibile dimettersi per un referendum costituzionale”, afferma con aria di chi è completamente contrario alla scelta). “Renzi ha fatto un favore a tutti i suoi avversari”, aggiunge. Poi scoraggia il segretario del partito a imbarcarsi per la  conquista della fiducia del Mezzogiorno. “Renzi al Sud non arriva, è troppo complicato per lui. E’ abituato in Toscana, dove se uno si candida con il Pd viene eletto. Non capisce il Sud perché in Toscana e Emilia il Pd vive naturalmente la sua dimensione.
Nel Sud doveva scegliere le persone con cui interloquire”.

Tra gli interlocutori “inevitabili” inserisce  Vincenzo De Luca. Nessuna scelta di campo tra Renzi e D’Alema, assicura Emiliano alla platea televisiva della domenica: “Non sto né con gli uni né con gli altri, sono un semplice militante dem”. Spende anche due parole per quello che sembra un abbozzo di programma che va dal centrosinistra al Sud, dalle politiche di partito ai rapporti con il Movimento 5 Stelle. E dice, sposando le idee di Romano Prodi, che “un’idea giusta è il centrosinistra unito. Immaginare di tenere insieme dal cattolicesimo democratico alla sinistra è un buon progetto”.

Emiliano non manca di polemizzare con il governo Renzi: il Patto per la Puglia, dice, è stato soltanti “un espediente mediatico”. Gli risponde a stretto giro il ministro della Coesione sociale, Claudio De Vincenti, dandogli dell’ “irresponsabile”.
Infine scherza su un’eventuale sua candidatura nelle fila dei pentastellati: “Sarebbe fantastico, ma non credo che mi prenderebbero, mi caccerebbero subito perché sarei subito contrario a qualche affermazione del capo”.

Francesca Pisciotta

Femminista nell’anima, mi nutro di buon cibo, tecnologia e serieTV. Non sto mai zitta, per questo ho deciso di fare Radio, solo così le mie parole potranno volare libere nell’etere. Sogno spesso di poter raggiungere un’altra me in un altro universo parallelo dove magari le cose mi vadano un po’ meglio. Purtroppo così non è quindi mi faccio un’altra birra e vado a dormire che s’è fatta na certa!